POP WOK women for open kitchen 

Nasce a Firenze Pop Wok, un progetto inclusivo e solidale destinato a chi è invisibile, una mensa “safe” in grado di coniugare sussistenza, dignità e salute, contro ogni discriminazione di genere.

È passato più di un mese dalla pubblicazione del decreto #iorestoacasa dell’11 marzo 2020 e gli effetti delle misure restrittive sulle fasce di popolazione vulnerabile diventano sempre più evidenti, aggravandone le già precarie condizioni economiche e sociali.
La mancanza di una casa, di una residenza anagrafica, di un regolare contratto di lavoro incidono sulla difficoltà a rispettare le ordinanze governative e ad accedere agli ammortizzatori sociali.

Ma c’è un altro livello di esclusione che si aggiunge a questi, che riguarda la questione di genere e le forme di stigma ad essa legate. Stiamo parlando dei/delle sex workers, e in particolare delle soggettività trans: impossibilitate a lavorare, spesso immigrate e non ufficialmente residenti, prive di una rete di sostegno o familiare a cui far riferimento, rischiano di finire in una condizione di povertà estrema e marginalità assoluta.
Per questo una rete di organizzazioni attive sul territorio fiorentino (Non Una di Meno Firenze, Circolo ARCI fra i lavoratori di Porta al Prato, Cooperativa Zenzero biocatering, CAT Cooperativa sociale, ARCI Firenze e Corrente Alternata) danno vita a POP WOK: un progetto di preparazione di pasti da distribuire a coloro che sono gravemente colpiti da questa emergenza sanitaria e dalle sue conseguenze economiche e sociali, in particolare a sex workers e trans.

La creazione di questo servizio specifico nel periodo dell’emergenza è pensata in sinergia e continuità con i progetti da anni attivi sul nostro territorio sul tema sex working, e intende quindi integrare al suo interno le competenze e le relazioni degli operatori di strada.

In particolare, la distribuzione dei pasti diventerà il canale per dare continuità anche alle azioni dei progetti già in essere, permettendo ad esempio il mantenimento dei contatti, il monitoraggio delle condizioni di salute psico-fisica, la distribuzione di materiale informativo e di prevenzione.
Il progetto integra la già esistente distribuzione di pacchi alimentari da parte dell’Unità di Strada “Vivian Love” di Cat Cooperativa Sociale, che viene fatta una volta la settimana in accordo col Comune di Firenze – Ufficio marginalità e Caritas.

POP WOK nasce in un’epoca di emergenza sanitaria, ma aspira ad essere un progetto permanente, che in futuro si possa evolvere ed ampliare per offrire anche ospitalità ed alloggio, così come potrebbe aumentare le utenze e dedicarsi ad altre categorie di persone.

 

Promosso, in stretta collaborazione con SATIS TOSCANA, da:
Non Una di Meno Firenze

Circolo ARCI fra i lavoratori di Porta al Prato
Cooperativa Zenzero biocatering
CAT Cooperativa sociale- ARCI Firenze
Corrente Alternata