LA TRATTA IN TOSCANA

Il fenomeno della tratta di esseri umani e del grave sfruttamento, presente in Italia ed in Toscana ormai da molti anni, continua a crescere considerevolmente e ad assumere connotazioni sempre diverse e sempre più complesse.
In questi ultimi anni, il fenomeno si è accentuato, coinvolgendo in particolare la continua ondata di migranti e minori non accompagnati, sia ragazzi che ragazze. In aggiunta, oltre alla prostituzione, si sono consolidate altre forme di sfruttamento, nell'ambito del lavoro, dell'accattonaggio e delle attività illegali che, sebbene ancora piuttosto sommerse, sono ben note agli operatori che lavorano da anni a contatto con le vittime.

Questo aumento della complessità del fenomeno conduce alla necessità di “ripensare” continuamente alle modalità di intervento, per contrastare le nuove schiavitù.
Proprio grazie ai servizi attivi sul territorio toscano è stata possibile l’osservazione costante del fenomeno e l'analisi delle sue evoluzioni. Ciò ha permesso, alla luce delle nuove tendenze, di rimodulare continuamente il servizio e di renderlo organico e funzionale alle nuove difficoltà, intensificando le attività di emersione e di assistenza e sperimentando una diversificazione degli interventi al fine di favorire un'adeguata tutela a tutte quelle persone (tra cui molti migranti e minori non accompagnati) particolarmente vulnerabili.

 

IL PROGETTO SATIS

Proprio in questa direzione nasce il Sistema Antitratta Toscano Interventi Sociali, promosso dalla Società della Salute Zona Pisana in sinergia con la Regione Toscana. Il progetto che vede la partecipazione di un ampio partenariato di enti pubblici e privati, mira alla realizzazione del sistema toscano di interventi a sostegno delle vittime di tratta e/o di sfruttamento e  al progressivo radicamento dei servizi antitratta nel sistema sociosanitario.

Nello specifico gli obiettivi di SATIS sono:

  • il contrasto alla tratta di esseri umani;
  • la tutela e la promozione dei diritti delle vittime;
  • la tutela della qualità della vita sociale e della salute collettiva.

A fronte della evidente interconnessione tra il fenomeno dei richiedenti asilo e della tratta, il progetto mira a sviluppare interventi innovativi di sistema per offrire analoghi servizi alle categorie particolarmente vulnerabili di migranti, in particolare donne e minori che, per il loro status, sono a rischio di divenire vittime di sfruttamento.

La tipologia degli interventi verte sulle seguenti macro azioni:

  • programmi di assistenza e integrazione sociale;
  • azioni di emersione, identificazione e prima assistenza;
  • strategie di prevenzione, protezione e reinserimento socio lavorativo delle vittime.

Attenzione particolare è dedicata ai percorsi di protezione per le persone “identificate” tramite il “Raccordo” tra il sistema di protezione delle vittime di tratta e/o sfruttamento e il sistema a tutela dei richiedenti/titolari di protezione internazionale (Dlgs 142/2015) e attraverso le azioni proattive multi-agenzia di identificazione dello stato di vittima presso strutture di accoglienza dedicate a persone richiedenti/titolari di protezione internazionale.

 

I DESTINATARI

Il progetto si rivolge a:

  • uomini e donne vittime di sfruttamento lavorativo (edilizia, agricoltura, ristorazione, lavoro domestico e assistenziale);
  • adulti e minori sfruttati nella prostituzione di strada e/o al chiuso;
  • vittime di forme di violenza e grave sfruttamento in ambiti quali l’accattonaggio e le attività illegali forzate (matrimoni forzati, spaccio e furto conto terzi, etc.).

La metodologia di lavoro è fondata sulla “centralità della persona” e tutela dei diritti umani; assume come criteri a cui conformarsi la flessibilità, la ricerca, l’integrazione e la valorizzazione delle conoscenze e delle professionalità in uno scenario di collaborazione e sinergia tra tutti i soggetti impegnati.

RIFERIMENTI

Marzia Tanini
Responsabile U. O. Alta Marginalità e Immigrazione
marzia.tanini@uslnordovest.toscana.it

  • SdS Zona Pisana
  • Regione Toscana
  • Comune di Firenze
  • Comune di Prato
  • Comune di Lucca
  • Comune di Massa
  • Comune di Viareggio
  • Comune di Livorno
  • Comune di Collesalvetti
  • Comune di Greve in Chianti
  • Comune di San Casciano in Val di Pesa
  • Provincia di Arezzo – Pari Opportunità
  • Provincia di Livorno
  • Provincia di Prato
  • Provincia di Siena
  • SdS Empoli
  • Co&so SDS delle zone Amiata Grossetana, Colline Metallifere e Area Grossetana
  • SdS Pistoia
  • SdS Valdarno Inferiore
  • SdS Valdinievole
  • SdS Zona Fiorentina Nord Ovest
  • Sds Valdera
  • Arci comitato provinciale senese -  Siena
  • Arnera Società Cooperativa Sociale Onlus - Pontedera
  • Ass.ne D.O.G. - Arezzo
  • Ass.ne DIM - Pisa
  • Ass.ne Progetto Arcobaleno Onlus- Firenze
  • Ass.ne Pronto Donna - Arezzo
  • Ass.ne Randi - Livorno
  • Ass.ne Zoè - Pistoia
  • Ass.ne Comunità Papa Giovanni XXIII° - Massa Carrara
  • C.A.T. Società Cooperativa Sociale Onlus - Firenze
  • CEIS – Gruppo Giovani e Comunità - Lucca
  • Diocesi di Pistoia – Casa Conchiglia
  • Sarah Coop. Sociale - Prato